La trasparenza del signor Grillo: dov’è quel mezzo milione di euro? Si tratta delle donazioni dei “movimentisti”, più di 14mila persone. Il comico per ora non ha rendicondato nulla, ma promette: “A breve lo farò”

 

 

vogliamo rinnovare l'intera classe parlamentare non più affidabile ! con giovani onesti controllabili cittadini preparati laureati ma soprattutto incensurati ! riportare la politica per il bene comune giustizia uguaglianza solidale verso i cittadini più sfortunati primo passo reddito minimo di cittadinanza alle famiglie senza reddito.

 

OLIGARCHI 

  

OLIGARCHI

  RSS feed  I DINOSAURI

  

oligarchi.fotoblog.it

 RIFORMIAMO I PARTITI E I SINDACATI

 RSS feed   BLOG RIFORMIAMO I PARTITI E

Questo blog è di promozione sociale non ha scopo di

lucro, nasce per creare nuove coscienze, nasce  per divulgare autonomamente  il pensiero del movimento 5 stelle e nel contempo  studiare, analizzare

e commentare il fenomeno BEPPE GRILLO ,che ritengo sia importante per dare un colpo mortale alla partitocrazia, ai comitati d’affari dei partiti e dei sindacati  che con i loro padrini-oligarchi hanno reso in decenni di disonestà istituzionale  il nostro paese povero e senza futuro

usando soldi pubblici.

 

L SIGNOR BEPPE GRILLO GRUPPO SU FACEOOK FONDATO DA GABRIELE CERVI.  per studiare GRILLO 

  

 

 

La trasparenza del signor Grillo:

dov’è quel mezzo milione di euro?

Si tratta delle donazioni dei “movimentisti”, più di 14mila

persone. Il comico per ora non ha rendicondato nulla,

ma promette:

“A breve lo farò”

La trasparenza del signor Grillo:
dov'è il mezzo milione di euro?

Beppe Grillo

 

 

Meno di un mese di “politica”, dopo l’elezioni in Parlamento, e per i “grillini” un’infilata di gaffe, mezzi scandali e situazioni imbarazzanti. Roberta Lombardi che elogia il fascismo, gli scivoloni televisivi di molti “cittadini” (che di Costituzione, Parlamento e legge elettorale, tra le altre, dimostrano di non sapere nulla), poi le polemiche sullo statuto. Note di colore, o poco più. Ora, però, la questione è un po’ più seria e riguarda i soldi. Per la precisione, 568.657 euro. Che fine hanno fatto?

Quei soldi… – Come riporta l’Huffington Post, a dicembre del 2012Beppe Grillo ha lanciato una campagna di raccolta fondi che sarebbe tutt’ora in corso. I soldi sarebbero dovuti servire, si legge nel sito, per “pagare le spese legali e per la promozione del M5S nel periodo pre-elettorale” nonché “per il supporto online degli attivisti”, mentre l’eventuale residuo sarebbe dovuto essere destinato “al conto corrente per i terremotati dell’Emilia”. La premessa è che quei soldi, per legge, possono essere utilizzati solo ed esclusivamente per gli scopi dichiarati, ma sul sito, alla voce ‘spese sostenute’, si legge: “Zero euro”. 

Che fine hanno fatto? – Le domande invece sono tante. La pagina non è aggiornata? Se così non fosse, se cioè effettivamente quei soldi non sono stati spesi per la campagna elettorale, che fine hanno fatto? Tra l’altro, al momento, il residuo (cioè l’intera somma, salvo smentite) non è stato destinato alle popolazioni terremotate dell’Emilia. I giornalisti del quotidiano diretto da Lucia Annunziata hanno provato diverse volte a mettersi in contatto con Enrico Grillo, il fiduciario dei finanziamenti raccolti dal movimento. Invano, ovviamente: i grillini con la stampa (italiana) non ci parlano. Insomma, la domanda rimane senza risposta: che fine hanno fatto i soldi dei 14.646 donatori? Almeno loro avranno il diritto di saperlo? Dov’è in questo caso la tanto sbandierata trasparenza dei grillini?

La risposta di Grillo – Attraverso il blog è poi arrivato il chiarimento del comico genovese: “Le attività necessarie per le campagna elettorale del M5S, come l’allestimento dei palchi, sono state realizzate grazie al volontariato dei cittadini attivi”, premette Beppe Grillo. E aggiunge: “Tutte le spese sono state sostenute grazie a circa 15.000 persone che hanno donato in media poco meno di 40 euro a testa per un totale di 568.832 euro ad oggi”. Poi una stoccata ai politici: “E’ possibile, ed è stato dimostrato, fare politica senza intermediazione dei partiti, senza bisogno di soldi pubblici e garantendo la massima trasparenza sulle fonti di finanziamento”, rivendica Grillo, che spiega: “Tutte le voci di spesa saranno pubblicate, entro i termini di legge, nei prossimi giorni non appena sarà finita la meticolosa attività di rendicontazione”, confermando che “non tutti i soldi che sono arrivati sono stati effettivamente spesi. Come anticipato la parte 

 

TE LO DO IO IL MASTER

M5s, Marta Grande: “Le mie lauree in

Italia non hanno nessun valore”

La grillina che dice d’ispirarsi a Nilde Jotti spiega:

“I miei titoli in Italia non hanno alcun valore”.

Un’altra farloccata dopo quelle di Giannino e Crosetto?

 

La grillina e le lauree sospette:
Marta Grande come Giannino?
Presidenza della Camera a rischio

Marta Grande

 

 

Bella, giovane, una laurea in Alabama, un master in Cina. Anzi (forse) no. Marta Grande, la neo-deputata grillina in corsa per la presidenza della Camera, delle lauree non sa che farsene, o meglio, non Italia. Pare, infatti, che i titoli accademici conseguiti all’estero e sfoggiati nell’atto d’iscrizione alla Camera de Deputati, non abbiano nessun valore nel Belpaese. Dopo Oscar GianninoGuido Crosetto, l’epidemia della laure false ha colpito anche la grillina che dice d‘ispirarsi a Nilde Jotti. Ora, la sua corsa per la poltrona per Montecitorio potrebbe essere fortemente compromessa (sarebbe lei, infatti, uno dei nomi forti dei grillini che potrebbe strappare l’ok del Partito Democratico).

Le nomine – E pensare che soltanto lo scorso 12 marzo, Marta Grande, uscendo dall’incontro con la delegazione piddina, aveva dichiarato: “Ci aspettiamo che i candidati che proporranno siano all’altezza del ruolo, siano di specchiata moralità, che abbiano profili di trasparenza etica e che non abbiano contribuito a portare il Paese dove siamo arrivati”. Un identikit che, con questo affaire della lauree, sembra non descrivere la cittadina-deputata, Marta Grande. Oggi, giovedì 14 marzo, sono attese le nomine nell’Assemblea del Movimento 5 Stelle: i grillini dovrebbero decidere chi proporre come presidenti di Camera e Senato al termine di una riunione fiume che si protrae oramai da due giorni.

 

Post recenti

 

 

 

 


 


La trasparenza del signor Grillo: dov’è quel mezzo milione di euro? Si tratta delle donazioni dei “movimentisti”, più di 14mila persone. Il comico per ora non ha rendicondato nulla, ma promette: “A breve lo farò”ultima modifica: 2013-03-14T14:00:00+00:00da mobbing21
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La trasparenza del signor Grillo: dov’è quel mezzo milione di euro? Si tratta delle donazioni dei “movimentisti”, più di 14mila persone. Il comico per ora non ha rendicondato nulla, ma promette: “A breve lo farò”

  1. Se invece di ritenersi i “salvatori della patria” fossero più onesti e leali innanzitutto con se stessi, ammettendo di essere comuni e normali e di aver fatto in passato errori come tutti quanti noi e di non avere il verbo nelle mani, ma solo il desiderio di mettersi al servizio della collettività con onestà, serietà, spirito di sacrificio e studio tanto tanto e tanto studio, solo la conoscenza aiuta a dare risposte alle domande.

I commenti sono chiusi.