E ANCHE BONANNI HA COMPRATO CASA CON LO SCONTO: SOLO 200MILA EURO PER 8 VANI SUL LUNGOTEVERE. 4 VOLTE MENO DEL PREZZO ATTUALE DI MERCATO

E ANCHE BONANNI HA COMPRATO CASA CON LO SCONTO: SOLO 200MILA EURO PER 8 VANI SUL LUNGOTEVERE. 4 VOLTE MENO DEL PREZZO ATTUALE DI MERCATO

 

I PARTITI E I SINDACATI VIVONO NON DI PANE PROPRIO MA GRAZIE A MILIONI DI
EURO DI CONTRIBUTI PUBBLICI. QUESTI SOLDI VENGONO GESTITI SENZA REGOLE E
SENZA TRASPARENZA.. LA PETIZIONE CHE HO LANCIATO PREVEDE INVECE UN CODICE
ETICO CON NUOVE REGOLE.. SE VUOI ENTRA NEL LINK CHE SOTTO HO RIVERSATO PER VEDERE IL CONTENUTO DELLA PETIZIONE E SE LO TROVERAI AFFINE AI TUOI IDEALI LO PUOI CONDIVIDERE . PUOI ANCHE TRAMITE FACEBOOK A TUO NOME INFORMARE I TUOI AMICI ONLINE.. VEDI TU..!!

 

 

E ANCHE BONANNI HA COMPRATO CASA CON LO SCONTO: SOLO 200MILA EURO PER 8 VANI SUL LUNGOTEVERE. 4 VOLTE MENO DEL PREZZO ATTUALE DI MERCATO

 

Sempre viva la festa dei lavoratori, sempre viva il sindacato. Ma Raffaele Bonanni, dopo aver denunciato tante ingiustizie, potrebbe spiegare come mai ha comprato casa dall’Inps (8 vani in via Perugino, sul Lungotevere) per soli 200.900 euro? Duecentemila euro, capite? Circa 4 volte meno l’attuale valore di mercato. “Non ho avuto nessun trattamento di privilegio né di favore, visto che avevo in locazione la stessa casa da 16 anni e ho esercitato il diritto di prelazione disciplinato dalla legge”, ha spiegato lui. Ma se la legge consente a qualcuno di comprare una casa di 8 vani al prezzo scontato quasi dell’80% e nello stesso tempo lascia migliaia e migliaia di giovani senza la possibilità di comprarsene una, non sarà da cambiare, insieme all’odiata riforma Fornero? Aspettiamo la denuncia di Bonanni.

P.s. A proposito di privlegi, fra l’altro: nessun privilegio, si capisce. Ma quanti operai di quelli rappresentati da Bonanni hanno potuto godere per 16 anni di una casa Inps a canone agevolato? E quanti alla fine hanno potuto comprarla con uno sconto così? 

fonte:sanguisughe .com

I PARTITI E I SINDACATI VIVONO NON DI PANE PROPRIO MA GRAZIE A MILIONI DI
EURO DI CONTRIBUTI PUBBLICI. QUESTI SOLDI VENGONO GESTITI SENZA REGOLE E
SENZA TRASPARENZA.. LA PETIZIONE CHE HO LANCIATO PREVEDE INVECE UN CODICE
ETICO CON NUOVE REGOLE.. SE VUOI ENTRA NEL LINK CHE SOTTO HO RIVERSATO PER VEDERE IL CONTENUTO DELLA PETIZIONE E SE LO TROVERAI AFFINE AI TUOI IDEALI LO PUOI CONDIVIDERE . PUOI ANCHE TRAMITE FACEBOOK A TUO NOME INFORMARE I TUOI AMICI ONLINE.. VEDI TU..!!

Il bottino dei tecnici, l’assegno speranza per le candidature, il sostegno delle imprese. Aspettando la manna dei rimborsi elettorali

https://www.change.org/it/petizioni/firmiamo-la-petizione…

 LA CONOSCENZA E’ IMPORTANTE

 

Per saperne di più poi entrare anche nei miei blog sociali senza scopo di lucro

e ti a visonare i vari video che qui sotto nei miei blog ho riversato.

BUONA LETTURA.. NELLA SPERANZA CHE SI POSSANO FORMARE NUOVE COSCIENZE. GRAZIE.

.GABRIELE CERVI BLOGGER SENZA SCOPO DI LUCRO. 


DIGITA IL MIO PRIMO BLOG QUI SOTTO:http://cgilcislulpetizione.myblog.it/


DIGITA IL MIO SECONDO BLOG QUI SOTTO:
http://riformiamoipartitieisindacati.myblog.it/

DIGITA IL MIO TERZO BLOG QUI SOTTO:http://cgilcislulpetizione.myblog.it/

DIGITA IL MIO QUARTO BLOG QUI SOTTO:http://petizione.myblog.it/

Senato, i dipendenti che timbrano e se ne vanno

La denuncia arriva da una persona che lavora a Palazzo Madama: “Guadagnano cinque volte più dei normali statali, ma passano il badge e se ne vanno dall’ufficio”

 

La casta non è solo quella in parlamento. C’è pure quella che lavora per il parlamento. A farne parte sono i dipendenti del Senato. Sono tra i dipendenti pubblici più pagati con i soldi dei contribuenti. Lo stipendio è d’oro: 150 mila euro lordi all’anno con tanto di tredicesima e quattordicesima. Faticano tanto. Anzi no, timbrano il cartellino all’ingresso la mattina e poi vanno in giro a sbrigarsi gli affari loro. La denuncia di fuoco arriva con un servizio de Le Iene che racconta il malcostume di chi lavora a palazzo Madama. 
I furbetti del badge – In tanti tra i dipendenti bluffano sugli orari di lavoro. A segnalarlo è proprio un lavoratore del Senato che ha contattato il programma di Italia Uno. “Arrivano e, dopo aver timbrato, si allontanano – spiega la persona, che sceglie l’anonimato -. I furbetti in Parlamento non sono solo tra i politici” spiega. E molti colleghi vanno in giro per Roma, in pieno centro. “Il Senato ha diversi uffici sparsi per il centro di Roma, per cui in realtà è possibile che ci siano riunioni, incontri, per cui è normale che sia gente che vada da un palazzo all’altro. Però, se tu quando esci, al posto di fare il tuo lavoro in un altro ufficio, che ne so per una riunione, te ne vai a spasso, a fare la spesa, a giocare a lotto, al bar, ad accompagnare dal dentista tuo figlio e poi ritorni dopo due ore in ufficio come se niente fosse, allora lì la storia cambia, perché tu, in questo modo, tu dipendente pubblico ti stai facendo pagare dagli italiani per andare ad accompagnare tuo figlio per farsi curare le carie. Questo non è molto simpatico”. 

A spasso per Roma – L’accusa lanciata dalle Iene ha fatto scattare subito dei controlli. Filippo Roma, giornalista della trasmissione, filma i dipendenti di palazzo Madama che entrano in ufficio, timbrano, e subito dopo escono per andare in giro. “Voglia di lavorare saltami addosso e fammi faticare il meno che posso”, si diceva a Roma una volta. Alcuni dipendenti del Senato sembrano aver seguito alla lettera il motto capitolino. Non tutti però. “Sono stufa – dice la dipendente che ha denunciato tutto – di sentire queste stesse persone che prima rubano e poi si lamentano del paese, della disonestà dei politici e ne discutono, magari stando al bar piuttosto che stando in ufficio a lavorare. Si è perso proprio il senso della realtà”, afferma amaramente la dipendente che ha denunciato il malcostume. Insomma prima di combattere la casta di palazzo bisognerebbe redarguire quella che lavora a palazzo. Lo stpendio lo paghiamo noi. E non è un piacere. (I.S.)

 


 

17:12 Scritto da mobbing21 | Link permanente | Commenti (0) | Segnala | OKNOtizie | 

E ANCHE BONANNI HA COMPRATO CASA CON LO SCONTO: SOLO 200MILA EURO PER 8 VANI SUL LUNGOTEVERE. 4 VOLTE MENO DEL PREZZO ATTUALE DI MERCATOultima modifica: 2013-05-05T18:49:37+00:00da mobbing21
Reposta per primo quest’articolo